CNA Pisa

Artigianato e digitalizzazione: la mattina di venerdì 25 novembre, in Camera di Commercio a Pisa, si è svolto un incontro per parlare delle nuove sfide che investono sempre di più i vecchi mestieri a partire dalla rivoluzione tecnologica.

Il seminario, coordinato da Carla Sabatibni, ceo di NKey e progettista di percorsi europei, è stato organizzato in collaborazione con CNA Pisa che ha coinvolto anche Artex per analizzare – con tutti gli attori coinvolti – l’andamento del mondo artigiano e l’impegno messo in campo per tutelarlo, salvaguardarlo e, contestualmente, valorizzare il suo prezioso patrimonio.

Tra gli obiettivi in campo anche il saperlo rendere sempre più competitivo beneficiando della digitalizzazione, talvolta non sempre immediata e accessibile alla figura tradizionale del Maestro Artigiano.

Ecco che CNA Pisa – insieme a NKey – ha accolto una delegazione di 12 ospiti provenienti da 6 paesi europei (Spagna, Malta, Portogallo, Romania, Inghilterra e Polonia) che hanno ricevuto una panoramica a tutto tondo sul mondo dell’artigianato e sulle iniziative che l’associazione di categoria, di concerto con gli altri attori coinvolti, mette in campo per valorizzarlo.

Tra queste un particolare accento è andato agli incontri dedicati al maestro artigiano nelle scuole e istituti superiori, ai pacchetti turistici esperienziali e ai laboratori ad hoc dedicati a visitatori e bambini. Incontri e occasioni, questi ultimi, pensati proprio per scongiurare la scomparsa della figura dell’artigiano, dei vecchi mestieri e del prezioso patrimonio culturale del nostro Paese.

Per andare ancora di più nello specifico ricordiamo che l’azienda informatica santacrocese Nkey da oltre un anno sta coinvolgendo realtà artigiane locali nel progetto Erasmus+ ArITsan.

Di cosa si tratta?

Finanziato da fondi europei, ArITsan nasce da una riflessione dell’associazione rumena capofila, ProXpert, sulla precarietà del settore artigiano europeo che, ad ogni latitudine senza eccezione alcuna, sta attraversando una fase di elevata criticità.

Un progetto ampio che mira a promuovere l’alfabetizzazione imprenditoriale e nuovi approcci educativi all’informatica e al digitale pensati appositamente per artigiani senior. Del resto l’eredità culturale di ogni paese, primo fra tutti l’Italia, non può prescindere dal prezioso patrimonio artistico custodito dagli artigiani più anziani che, inevitabilmente, stanno da tempo facendo i conti con un modello di imprenditoria sempre più informatizzato e digitale che, senza un’adeguata guida, rischia di confinarli ai margini del mondo imprenditoriale costringendoli a chiudere i battenti e a disperdere il loro prezioso patrimonio culturale e artigianale.

Ecco che proprio partendo da questi presupposti, Carla Sabatini, una dei quattro soci fondatori della santacrocese Nkey nonché membro di presidenza CNA Pisa area cuoio, ha preso le redini del coordinamento del team italiano individuando un target di artigiani senior che possieda solide competenze artigianali ma non adeguate competenze ITC. In questo modo, contando sull’appoggio e il contributo di Cna Pisa e della sua agenzia formativa Copernico, ha promosso la loro partecipazione ad attività educative volte a migliorare le competenze informatiche e digitali, spiegando altresì il potenziale dell’e-commerce e del variegato patrimonio “unito nella diversità” dell’Unione Europea.

A chiusura dell’incontro CNA Pisa ha dato la propria disponibilità ad organizzare e realizzare un nuovo tavolo di lavoro coinvolgendo direttamente il tessuto imprenditoriale e quindi tutti i Maestri Artigiani del territorio provinciale.

“Data la storia dell’artigianato italiano e la ricchezza della tradizione artigiana, un progetto come ArITsan ci ha permesso di lavorare per il territorio portando alla luce le reali difficoltà dei nostri artigiani – ha commentato Sabrina Perondi, coordinatrice sindacale di CNA Pisa -. CNA è di nuovo in prima linea per salvaguardare e tutelare le loro attività e la tradizione dell’artigianato artistico italiano”.

Spesso la debolezza dell’artigiano sta nella difficoltà di proporsi in un mercato sempre più digitalizzato e in continuo cambiamento.

Parole confermate dalla vice-direttrice di CNA Pisa, Barbara Carli, anche lei presente all’incontro in Camera di Commercio: “Ringrazio Carla Sabatini di NKey, Elisa Guidi di Artex, Valter Tamburini e la CCIAA per aver ospitato questo interessantissimo seminario. Spesso la debolezza dell’artigiano sta nella difficoltà di proporsi in un mercato sempre più digitalizzato e in continuo cambiamento.

Ecco che la vera sfida, talvolta complessa, sta nel far riconoscere il proprio valore e nel passare il proprio sapere.  Utilizzare il digitale, per trasmettere l’importanza del talento delle proprie mani può dare un contributo tangibile per salvare le attività di eccellenza dal rischio di scomparsa che le minaccia. Una circostanza che dobbiamo scongiurare e che, come associazione di categoria, faremo tutto quanto è in nostro potere affinché non accada. La giornata di oggi si inserisce perfettamente in questo contesto”.

(Fonte: Ufficio Stampa CNA Pisa)