Giovedì 8 febbraio si è svolto il primo incontro unitario di taxi e Ncc auto alla presenza del ministro, Matteo Salvini. Il titolare dell’Infrastrutture e dei Trasporti che ha sottolineato come i mesi trascorsi da luglio abbiano consentito di mettere in ordine i temi e ragionare sulle proposte relative ai tre decreti attuativi fermi dal 2019.

È obiettivo del ministro chiedere il confronto e approvare i testi entro fine marzo. Per questa ragione ha fornito un calendario di appuntamenti fissati ogni giovedì per il confronto con le rappresentanze in maniera disgiunta di cui il primo (quello svoltosi nella giornata di ieri) e l’ultimo saranno unitari.

Nel primo incontro è stato presentato il decreto REN, un censimento non obbligatorio delle licenze e delle autorizzazioni. Sarà necessario accompagnarlo con un altro dispositivo normativo per inserire le sanzioni e i vincoli perché il dispositivo attuale non consente questa possibilità. Sarà in capo al CED del Ministero e sarà possibile registrarsi entro 90 giorni. In una seconda fase, per dare piena attuazione, saranno coinvolti i comuni e successivamente verranno inserite le sanzioni e i vincoli.

I prossimi incontri del 15 e del 22 febbraio saranno dedicati alla presentazione del decreto foglio di servizio. Si tratterà di una piattaforma nazionale finanziata dal Pnrr.

Il 29 febbraio e il 1° marzo gli incontri riguarderanno il decreto piattaforme. I testi saranno approvati contemporaneamente ma avranno tempistiche diverse di attuazione. Si potranno fornire osservazioni entro una settimana dall’invio del testo.