Responsabile Tecnico Gestione Rifiuti: compiti, responsabilità, requisiti e formazione

 

16 ottobre 2023 – CNA PISA può assisterti sia per sostenere l’esame sia per la nomina di una figura abilitata

 

Al seguente link è possibile iscriversi al Corso di preparazione all’esame per l’idoneità di Responsabile Tecnico Gestione Rifiuti: https://consorziocopernico.it/courses/corso-di-preparazione-allesame-per-lidoneita-di-responsabile-tecnico-gestione-rifiuti/  

 

Il regolamento dell’Albo Gestori Ambientali (Decreto Ministeriale 3 giugno 2014 numero 120) definisce meglio la figura del Responsabile Tecnico Gestione Rifiuti. Gli articoli 12 e 13 ne spiegano nel dettaglio i compiti, le responsabilità, i requisiti e la formazione.

L’incarico di Responsabile Tecnico può essere ricoperto dal legale rappresentante/titolare dell’impresa, da un dipendente o da un soggetto esterno all’organizzazione.
Il suo compito è, a oggi, quello di svolgere azioni dirette ad assicurare la corretta organizzazione nella gestione dei rifiuti da parte dell’impresa e di vigilare sulla corretta applicazione della normativa di riferimento.
La presenza del Responsabile Tecnico in azienda è una delle condizioni necessarie a quest’ultima per essere iscritta regolarmente all’Albo Gestori Ambientali (articolo 10, comma 4, del Regolamento) ed è quindi una figura determinante nelle imprese iscritte all’Albo: nel caso venisse a mancare l’azienda di turno rischierebbe un procedimento disciplinare diretto alla revoca dell’autorizzazione e alla sua cancellazione.

Il Responsabile Tecnico deve essere in possesso del requisito di “idoneità”, consistente nella dimostrazione della sua preparazione, mediante una verifica iniziale e successive verifiche quinquennali.

In particolare, il Responsabile Tecnico deve essere in possesso – oltre che dei requisiti professionali suddivisi per categoria e classe d’iscrizione – anche dei requisiti morali soggettivi (ex articolo 10, comma 2).

Come pubblicato dall’Albo Gestori Ambientali sul suo sito, Il 16 ottobre 2023 scadrà il requisito di idoneità di 13.000 Responsabili Tecnici (RT) che attualmente operano in regime transitorio per 16.000 imprese iscritte all’Albo nelle categorie 1, 4, 5, 8, 9 e 10.
Lo scorso 14 febbraio è stata inviata una comunicazione ai 5.200 RT registrati nella piattaforma invitandoli a sostenere l’esame per tempo. Nei prossimi mesi l’Albo invierà loro analoghe comunicazioni 6 e 2 mesi prima della scadenza prevista.
Analoghe comunicazioni verranno inviate alle PEC delle imprese 60 e 30 giorni prima della scadenza come previsto dalla Delibera n.1/2020

Si invitano pertanto le imprese a verificare con congruo anticipo la scadenza del requisito di idoneità del responsabile tecnico per poter proseguire nella propria attività, effettuando il controllo attraverso la propria area riservata sul sito www.albonazionalegestoriambientali.it dove le imprese (già iscritte o che si devono iscrivere all’Albo) hanno a disposizione la funzionalità di “Ricerca RT”.
Si ricorda infatti che, al verificarsi della perdita del requisito d’idoneità previsto dall’art. 13, comma 1, del DM 120/2014, in assenza di nomina di nuovo RT, saranno applicate le limitazioni e le sanzioni previste dalla Delibera n. 1/2020 che, decorsi i termini previsti, determinano il procedimento disciplinare finalizzato alla cancellazione dell’impresa dall’Albo. I responsabili tecnici che rientrano nella casistica citata possono rinnovare il proprio requisito di idoneità mediante il superamento dell’esame relativo al modulo o ai moduli in scadenza, presso le sedi delle Sezioni regionali e provinciali dell’Albo. Per prenotare l’esame è necessario iscriversi alle sessioni di verifica sul sito dell’Albo all’indirizzo https://www.albonazionalegestoriambientali.it/RT/. L’iscrizione deve essere effettuata tra i 60 e i 40 giorni prima della data dell’esame. Rammentiamo infine che il mancato superamento della prova d’esame entro il termine del 16 ottobre 2023 comporta la perdita del diritto ad usufruire delle agevolazioni previste per la verifica di aggiornamento. Si invitano pertanto imprese e responsabili tecnici interessati a programmare con adeguato anticipo le azioni necessarie al mantenimento dei propri requisiti per evitare interruzioni della propria attività.

 

RIEPILOGANDO: Quali Responsabili Tecnici devono sostenere l’esame?

  • tutti i RESPONSABILI TECNICI IN REGIME TRANSITORIO (iscritti all’Albo Gestori alla data 16/10/2017): superare la verifica di aggiornamento entro il 16/10/2023 è requisito obbligatorio per il mantenimento del ruolo
  • i RESPONSABILI TECNICI CHE HANNO ASSUNTO IL RUOLO NEL 2018: sono in scadenza per l’aggiornamento quinquennale
  • i NUOVI RESPONSABILI TECNICI: superare la verifica iniziale è uno dei requisiti

 

Richiedi una consulenza contattando i numeri 050 876366 – 3783023222 oppure scrivendo a desideri@cnapisa.it